Let’s Wok è un augurio prima di tutto! Un invito che coinvolge e mette allegria, per offrire la possibilità di scoprire e provare un nuovo modo di mangiare che trasforma la pausa veloce, il pasto al volo, il concetto di street food in un appuntamento saporito e salutare.

Let’s Wok è un’avventura che nasce quando un team di imprenditori (ma soprattutto amici) venezuelani e italiani decidono di fare squadra e mettere insieme le proprie esperienze nel food, nel marketing, nel design, nella comunicazione, per dare spazio a un posto dove il cibo racchiudesse in sè anche l’idea stessa della convivialità. Nasce così il claim Good Food, Good Mood: assaporare buon cibo, sperimentando originali combinazioni di sapori, cotto nel tradizionale wok e servito nel classico take out box, da gustare in un ambiente di desing, dal tono informale ma curato nei dettagli o da portare via e gustare al lavoro, al parco o a casa propria.

Perché Let’s Wok: il wok è la padella più utilizzata in Oriente. Di origine cinese, è robusta, forgiata in ferro o ghisa. Per questo è pesante e non manovrabile da tutti: i cuochi Let’s Wok, infatti, sono degli specialisti. La forma concava e il materiale di cui è composta fanno sì che mantenga a lungo il calore e sono proprio le alte temperature che riducono i tempi di cottura e lasciano quindi intatte le caratteristiche di ogni alimento: da Let’s Wok è facile scoprire che le verdure cotte rimangono croccanti e si può assaporare fino in fondo il gusto di ogni ingrediente. Proprio gli ingredienti sono la chiave: vengono utilizzati esclusivamente prodotti di accertata qualità, scegliendo accuratamente i fornitori in base al luogo di raccolta, alla produzione, alla stagionalità. Dal packchoi cinese al Quion, lo zenzero peruviano, passando dalle baby pannocchie americane, agli ingredienti classici della tradizione italiana. Il salmone arriva dalla Norvegia, le carni di suino e bovino da allevamenti rigorosamente nostrani. Noodles giapponesi di grano saraceno, riso basmati di prima scelta della Thailandia, noodles all’uovo prodotti in Italia con uova di allevamento a terra italiane. Perché alla base di tutto, ci vogliono buone basi.

Good Food, il concept: se l’ispirazione arriva chiaramente dall’Oriente, viene reintepretata e arricchita in maniera personale, aggiungendo ingredienti tipici dell’Occidente e dei tropici. Da Let’s Wok si possono sentire i profumi del mondo, bilanciati alla sensibilità del gusto italiano: gli chef studiano salse e condimenti che si amalgamino ed esaltino i sapori senza prevaricare e aggredire il palato. Due le opzioni proposte: ci si può affidare agli chef, scegliendo uno dei sei menu originali, tutti bilanciati nelle calorie e studiati in base alla biochimica degli ingredienti per stimolare sensazioni e umori: che si abbia bisogno di allegria, serenità o un pizzico di… piccante, il cibo non fa miracoli ma può aiutare. E qui ve lo sanno dimostrare. Se invece ci si sente creativi (o semplicemente, si ama fare attenzione a cosa si mette nel piatto), si può comporre il proprio piatto in più step, partendo dalla scelta della base (riso integrale, riso basmati, noodles di riso, noodles integrali di grano saraceno o noodles all’uovo) e aggiungendo gli ingredienti, dalla parte proteica ai condimenti con inedite salse handmade. Il team Let’s Wok è sempre pronto a dare consigli e interpretare le preferenze dei clienti, suggerendo gli abbinamenti giusti e osando accostamenti particolari, che sapientemente dosati possono mescolarsi per creare delle pietanze deliziose.

Good Mood, il locale: subito identificabile, adotta uno stile old industrial nature: gli ambienti rispecchiano il senso organico degli ingredienti dei piatti, presente fino al packaging. Nel locale tutto parla di un equilibrio tra architettura urbana e evasione in un modo più naturale. La brand identity, disegnata dalla creative firm milanese 6.14 Creative Licensing, evoca il fascino del rigore minimalista orientale, rimodellandolo su un gusto metropolitano e contemporaneo. Tante piante per respirare freschezza, un soffitto di bamboo e lampade vintage, tocchi etno-chic che trasportano subito l’immaginazione agli street market asiatici, un bancone fatto di pallet vissuti, che hanno girato e visto il mondo e che danno calore all’ambiente. Anche la divisa dei cuochi è stata studiata per abbinarsi con l’ambiente del locale e far percepire l’impeccabile e precisa routine in cucina.

Why Let’s Wok: perché scegliere questo nuovo food concept? Anzitutto, per mangiare bene: da Let’s Wok vengono proposti solo ingredienti di primissima qualità. Per godersi il pasto fino in fondo: la possibilità di scegliere e comporre il proprio piatto permette a tutti, che si sia vegetariani, vegani, carnivori o affetti da intolleranze, di gustare quel che si vuole senza problemi. Per tenersi in forma e in salute: cucinare ad alte temperature per breve tempo salvaguarda le caratteristiche organolettiche di ogni singolo componente del piatto. Perché le tempistiche sono veloci e i cibi gustosi, così così i clienti hanno più tempo per godersi il momento di pausa. Per sperimentare un cibo giusto per ogni umore. Per le salse, tutte inedite e handmade, create su misura per il locale e che da sole meritano una visita.

Good Development: l’obiettivo è che il punto in via Panfilo Castaldi sia il primo di una catena Let’s Wok. Il piano di sviluppo prevede altre aperture a Milano, ma si pensa ad un immediato sviluppo nazionale in città come Genova, Bologna, Torino, Verona, Roma. Attualmente si sta pensando ad aperture dirette, ma in qualche caso si stanno valutando opzioni di sviluppo commerciale differenti, anche grazie al peculiare sistema di progettazione e di partnership con alcuni fornitori fondamentali che rende il progetto replicabile a costi contenuti.

Let’s Wok

Team Christina Torres: la lampadina che si accende con un’idea. Figlia del mondo, dieci anni di esperienza nel mondo del design e quattro nel campo della ristorazione, decide di abbinare le sue due passioni per lanciarsi in un progetto personale: nasce così l’idea Let’s Wok.

Miguel Angel Roa Luciano: Lo chef italo-venezuelano, un mix originale che da via a una cucina dal tocco inedito. Giovane e saggio, con grande esperienza internazionale e con un talento incommensurabile, che disegna, misura e controlla i sapori di questo progetto.